'Na criaturella,

cu' 'na faccella ianca, malatella,

pe' vestito sulo 'na cammesella

liggera, ca scenneva

fino a tucca' 'e pedicciulle viola,

mentre 'o friddo traseva:

chiare 'e segne purtava

d" a miseria cchiù nera.

E 'a piccerella tremmava e chiagneva!

' O core 'mpiett'a mme me s'astrignette

nun ce vedetto cchiù,

me ribellaie e a Dio me rivulgetto:

"Ma comme può' permettere stu schianto?

Te prego, te scongiuro, fa' qualcosa

pe' st'anema 'nnucente!"

Là pe' là, Dio nun dicette niente;

ma po' 'mpruvvisamente rispunnette:

"Ma comme me può 'di' 'e fa' qualcosa?

si nun ' o ssaie t" o voglio fa' sape' :

Già l'aggio fatto: aggio fatto a tte!"

 

[ Torna a INDICE ]