‘A tecnica moderna ha inventato

‘o “bancomat”, ‘n’utile ritrovato:

comodamente te fa preleva’

‘e contanti senza te fa’ aspetta’

e quanto cchiù ne pigli, se capisce,

ca ‘o capitale cchiù s’impoverisce…

                Ce sta invece nu “BANCOMAT” speciale,

‘a duimil’anni sempe eccezionale,

è ‘o TABERNACOLO, addò vivo e vero,

dint’’a l’OSTIA è presente ‘o SIGNORE

e quanto cchiù ne pigli, chiù stupisci,

pecché è l’anima ca cchiù s’arricchisce

gratuitamente e senza se sforza’:

nu miracolo continuo ce sta!

        E a chi ‘o sape buono amministra’

‘a vera gioia sempe gustarrà!

Afragola, 9/09/2013

Gennaro Piccirillo

La presente poesia è stata ispirata dall’omelia di p. Luigi Arena, rettore del Santuario dei Sacri Cuori, nella Messa pomeridiana di ieri, domenica, 08/09/2013.

[ Torna a INDICE ]